martedì 22 marzo 2011

PANNA FREDDA - Uno - 1971 - Pagina aperta a tutti i visitatori



Rock progressivo Italiano, un ritorno agli anni ‘70

Con un grande album, altamente rappresentativo del suono del prog italiano, i Panna Fredda avrebbero meritato un maggiore successo, ma la loro è la tipica storia di tanti gruppi che, nonostante un buon contratto discografico, non riuscirono a produrre un album. “Uno” venne rinviato per molti mesi dopo la sua registrazione, e addirittura trasmesso per radio prima della sua uscita, ma la casa discografica, Vedette, non fece alcuna promozione e il gruppo si sciolse. Il gruppo era di Roma, formato negli anni '60 con il nome di I Figli del Sole e più tardi I Vun Vun, dal nome di un celebre locale in cui si esibivano spesso. Dopo i primi contatti con la Vedette questo gruppo si ridusse ad un quartetto, con l'uscita della sezione fiati che comprendeva anche il sassofonista Giulio Carnevale (fratello del batterista Filippo) e prendendo il nome definitivo. Due singoli uscirono nel 1970 per la Vedette, il primo con due brani scritti da artisti conosciuti: Delirio sul lato B (cantata da Giorgio Brandi), composta dal cantante dei Jaguars (celebre garage band di Roma) Silvio Settimi ebbe una buona programmazione radiofonica, mentre il lato A Strisce rosse era stata scritta da Roby Crispiano (conosciuto anche come Roby Castiglione, un bravo cantante solista) ma non ebbe successo. “Uno” fu finalmente pubblicato nel 1971, ma come già detto, il gruppo si era praticamente sciolto prima della sua uscita. Tutti i brani dell'LP sono composti dal cantante/chitarrista Angelo Giardinelli, e l'album contiene sei lunghi brani, basati per lo più su un intreccio chitarra-tastiere molto efficace. Si sentono alcune influenze del prog inglese, come in Un re senza reame, molto simile a Heaven dal primo album dei Gracious. Sono anche evidenti delle influenze classiche, soprattutto nelle parti di tastiere, ma la musica è convincente e ben riuscita. La voce è ottima, i testi originali e l'album non ha punti deboli. Il tastierista originale Giorgio Brandi è entrato poi nei Cugini di Campagna con cui ha avuto una lunga carriera piena di successi, fino alla metà degli anni '90, ed ora ha uno studio di registrazione.
Il batterista Roberto Balocco ha poi suonato con i Capsicum Red, il bassista Windy passò ai Cammello Buck (gruppo che ha dato origine al duo Rustichelli-Bordini).
Recensione ricavata dalla rete.

Formazione
Angelo Giardinelli ( chitarra, voce )
Giorgio Brandi ( tastiera, chitarra )
Filippo Carnevale ( chitarra, batteria )
Carlo Bruno ( basso)

Panna freda - 1. La paura (6:02)
Panna freda - 2. Un re senza reame (5:06)
Panna freda - 3. Un uomo (4:56)
Panna freda - 4. Scacco al re Lot (4:32)
Panna freda - 5. Il vento, la luna e pulcini blu (Sole rosso) (9:58)
Panna freda - 6. Waiting (3:08)

tnx andrea952
informazioni su
dopobasta.blogspot.com

2 commenti:

vitodibiasi ha detto...

MEGAUPLOAD
DEPOSITFILES
FLYUPLOAD
EASYSHARE
ZIPPYSHARE
LOAD.TO
2SHARED
MEDIAFIRE
RAPIDSHARE
TORRENT
Panna freda - 1. La paura (6:02)
Panna freda - 2. Un re senza reame (5:06)
Panna freda - 3. Un uomo (4:56)
Panna freda - 4. Scacco al re Lot (4:32)
Panna freda - 5. Il vento, la luna e pulcini blu (Sole rosso) (9:58)
Panna freda - 6. Waiting (3:08)

vitodibiasi ha detto...

I commenti lasciati qui sul blog non vengono pubblicati. Utilizzate il forum nell'apposita area "il blog del sito".