venerdì 6 novembre 2009

PIERO CIAMPI - Piero litaliano - 1963



Un uomo, alto, magrissimo, alla strenua ricerca di soldi che poi spenderà in qualche bar malfamato di Parigi a bere del buon vino: l'unica cosa che lo allieterà lontano da casa. Così è ricordato Piero Ciampi nel suo periodo parigino; egli scappò nella capitale francese nel 1957. In questo periodo conosce la musica dei "Chansonnier", vede le prime esibizioni di Brassens, frequenta Louis-Fernande Celine, a tal punto che diventano amici, comincia a costruirsi quello stile e quell'atteggiamento naif e bohemien che sarà il suo marchio distintivo durante la fulgida vita che porterà. Un Piero Ciampi che scrive poesie sui tovaglioli e se le fa pagare per poter sopravvivere, a Parigi sarà soprannominato "L'italianò", un nomignolo che manterrà per tutti gli anni '60 e con il quale inciderà i primi 45 giri e il suo primo LP omonimo. A lanciarlo sarà Gianfranco Reverberi, commilitone del poeta livornese a Pesaro negli anni '50: sarà lui ad inserirlo nella CGD e a comporre tutte le musiche di questo disco. Ascoltando le musiche e i testi si viene trasportati oltralpe, in atmosfere e climi che stavano portando un vento nuovo ed affascinante che poi condizionerà e formerà tantissimi cantautori (a cominciare da Tenco e De André). Non sono le canzonette dei primi Sanremo, non è la solarità di un Domenico Modugno o di un Claudio Villa: è la sofferenza di un uomo che sembra già vissuto, colpito e ferito ripetutamente dalla vita. Basta leggere la frase sulla copertina del disco "Ho scritto queste dodici canzoni per una donna che ho amato e che ho perduto. Questi dodici ricordi sono la Bastiglia del mio cuore. Per la mia donna ho fatto cose ben più grandi di queste canzoni, ma quelle cose sono ormai perdute. Ora restano soltanto dodici canzoni" Ciampi e Reverberi prendono un modo di esprimersi creato da altri, lo adattano e infine lo rendono personale: sono 12 canzoni non lunghissime, cupe e amare. Il dolore del singolo non diventa pretesto per piangersi addosso, c'è l'effetto opposto: si dipende dai propri sentimenti e dal proprio vissuto per uscirne, essere liberi ed urlare con ancora più rabbia; cercare dentro di sé il coraggio per portare avanti una "joie de vivre" senza condizioni o parametri fissati da altri. Voler rispondere a se stessi non vuol dire essere incoscienti, "diversi" a ogni costo: è un viaggio alla ricerca di una quiete dell'anima che ti permetta poi di non avere conti in sospeso quando poi sarà troppo tardi per regolarli. Piero Ciampi è stato unico, nella storia della musica italiana, nel modo di proporsi e nella tecnica. Nei suoi testi esce l'esperienza di vita che ha vissuto, raccontata nel modo crudo ed intenso in cui si sono svolti i fatti. Negli anni riuscirà a potenziare questa forza virulenta e avrà accanto a sé Gianni Marchetti, musicalmente più agile ed adatto rispetto ad un Reverberi che comunque sia ha fatto il suo onesto compito e merita un plauso.
"Fino all'ultimo minuto ti ho tenuta accanto a me, fino all'ultimo minuto non volevo dirti addio ma non ci sei mai quando piangono i miei occhi nelle sere senza fine" (citazione tratta da "Fino all'Ultimo Minuto")
recensione di telespallabob

Piero Ciampi - Fra cent'anni
Piero Ciampi - Fino all'ultimo minuto
Piero Ciampi - Non so piu niente
Piero Ciampi - Il tuo ricordo
Piero Ciampi - Qualcuno tornera
Piero Ciampi - La polvere si alza
Piero Ciampi - Quando il giorno tornera
Piero Ciampi - Lungo treno del sud
Piero Ciampi - Non chiedermi piu
Piero Ciampi - Confesso
Piero Ciampi - Hai lasciato a casa il tuo sorriso
Piero Ciampi - Autunno a milano
bonus
Piero Ciampi - Autunno a Milano (voce Milly)

courtesy of tacchinonero.blogspot.com
sul sito www.dallatorre.net
top list - pagina attiva

1 commento:

vitodibiasi ha detto...

Tags

MEGAUPLOAD
DEPOSITFILES
FLYUPLOAD
EASYSHARE
ZIPPYSHARE
LOAD.TO
2SHARED
MEDIAFIRE
RAPIDSHARE
TORRENT

I commenti lasciati qui sul blog non vengono pubblicati. Utilizzate il forum nell'apposita area "il blog del sito".

Piero Ciampi - Fra cent'anni
Piero Ciampi - Fino all'ultimo minuto
Piero Ciampi - Non so piu niente
Piero Ciampi - Il tuo ricordo
Piero Ciampi - Qualcuno tornera
Piero Ciampi - La polvere si alza
Piero Ciampi - Quando il giorno tornera
Piero Ciampi - Lungo treno del sud
Piero Ciampi - Non chiedermi piu
Piero Ciampi - Confesso
Piero Ciampi - Hai lasciato a casa il tuo sorriso
Piero Ciampi - Autunno a milano
bonus
Piero Ciampi - Autunno a Milano (voce Milly)